Il rito delle Lumère: una tradizione Veneta perduta

Halloween Veneto - Rito lumere suche baruche

Avete mai sentito parlare del RITO DELLE LUMÈRE? 🎃 

Quando si pensa al 31 ottobre viene subito in mente la “moderna” festa di Halloween, ma in pochi conoscono l’esistenza di un’antica tradizione Veneta, sopravvissuta fino a non molti decenni fa.

Nei secoli scorsi infatti, in questo periodo dell’anno, alcune famiglie venete avevano l’usanza di intagliare le zucche per inserirci all’interno delle candele, queste venivano poi esposte sui davanzali delle case o lungo i fossi e prendevano il nome di “SUCHE BARUCHE” o, in alcune zone, “LUMÈRE” 🕯️

La “Suca Baruca” che abbiamo fatto quest’anno

Le zucche servivano ad illuminare la strada alle anime dei cari defunti, ma anche a spaesare quelle dei morti più dispettosi. L’importante era non fissare mai una “Suca Baruca” mentre dentro vi si trovava uno spirito, perché si rischiava di perdere la ragione 👀

Alla sera i ragazzi si divertivano a spaventare i passanti con queste zucche illuminate, appostandosi soprattutto nei pressi dei cimiteri. Poi andavano di casa in casa a chiedere frutta secca, nocciole e castagne 🌰

Un’altra tradizione era quella di preparare “IL PIATTO DEI MORTI” con latte, castagne e dolci speciali come il “pan dei morti” o le “ossa dei morti”, che la notte veniva lasciato in cucina o sui davanzali come ristoro per le anime 🍪

Sul “Rito delle Lumère” ormai si trovano poche testimonianze, ma parlando con alcuni anziani esce ancora qualche racconto 🌙

Voi ne avete mai sentito parlare nella vostra famiglia? Provate a chiedere in questi giorni e scrivete qui sotto le vostre testimonianze 👇🏼 Teniamo vive le nostre tradizioni!

Qui sotto potete trovare alcune testimonianze che abbiamo raccolto sulla nostra pagina Facebook:

Per altre testimonianze interessanti: http://www.terraorobica.net/Articoli/Tradizioni/La%20Notte%20delle%20Lumere.htm

Condividi

Gli ultimi articoli: